Cinema e fragilità: torna Uno Sguardo Raro, the rare disease international film festival Roma 28 gennaio – 3 febbraio

Cinema e fragilità: torna Uno Sguardo Raro, the rare disease international film festival Roma 28 gennaio – 3 febbraio

Oltre 800 opere da 83 paesi – dalla Norvegia al Ghana, dall’Uzbekistan agli Stati Uniti – che raccontano com’è il vivere con una malattia rara o una disabilità per la IV edizione di un Festival che vuole avvicinare il pubblico a storie che possono regalare emozioni intense e una nuova visione del diverso.

Siamo quasi ai nastri di partenza per il l’edizione 2019 di Uno Sguardo Raro, il festival internazionale a tema malattie rare che quest’anno è molto cresciuto grazie a numerose collaborazioni. Il programma si è allungato di 4 giornate. Si svolgerà a Roma, in diverse sedi, Regione Lazio, Biblioteche di Roma, Istituto Roberto Rossellini e le 2 serate finali presso la Casa del Cinema dal 28 gennaio fino al 3 febbraio, la quarta edizione di questo festival di cinema dedicato alle malattie rare descritte da varie angolazioni da cortometraggi nazionali, internazionali, documentari, spot e corti d’animazione. Un festival ‘portatore sano di emozioni’, fatto di storie che raccontano quanto si possano superare i propri limiti fisici e non solo. Più di 800 i film – 21 quelli selezionati per la fase finale – tra corti e documentari ricevuti, tra cui 124 dall’Iran, 113 dall’ Italia, 80 dall’India, 46 dalla Turchia, 80 dagli Stati Uniti, fino ad arrivare ai 2 dal Giappone e 1 dall’Uzbekistan. Tra i selezionati dalla Giuria di Qualità – presieduta dall’attore Gianmarco Tognazzi oltre a film italiani, opere da Germania, Belgio, Gran Bretagna, Spagna, Grecia, Iran, Stati Uniti e Messico.

L’obiettivosottolinea la direzione artistica – è quello di promuovere le migliori opere video sulle malattie rare per creare un punto d’incontro solidale tra il mondo del cinema e questo mondo e dare un impulso alla produzione di nuovi registri di comunicazione visiva sul tema. Un punto di partenza per raccontare come l’esperienza di chi ha già lottato e magari raggiunto qualche vittoria, sia una ricchezza da condividere. La nostra missione diventa quindi trasformare l’invisibilità dei malati rari in visibilità e vogliamo raccontare il “vivere diverso” per far riflettere sull’importanza della comprensione, dell’inclusione e della gentilezza”.

Uno Sguardo Raro, che anticipa la celebrazione della Giornata delle Malattie Rare del 28 febbraio prossimo, vede la direzione artistica dell’attrice e autrice Claudia Crisafio, presidente dell’associazione Nove Produzioni, che produce il festival. L’iniziativa nasce da un’idea della stessa Crisafio e di Serena Bartezzati, comunicatrice e da tempo attiva nel mondo delle malattie rare. Uno Sguardo Raro, che vanta diversi patrocini, è gemellato con lo storico concorso letterario, artistico e musicale “Il Volo di Pegaso”, dedicato a chi soffre di queste patologie, prodotto dal Centro Nazionale Malattie Rare dell’Istituto Superiore di Sanità e Disorder – The Rare Disease International Film Festival, alla sua seconda edizione nel 2019 a Boston (USA).

Tre le novità principali di quest’anno: il Premio HEYOKA nato dall’incontro di Uno Sguardo Raro con Ability Channel, portale dedicato al mondo della disabilità che ha lanciato il progetto HEYOKA, una community che nasce per condividere storie di coraggio ed esperienze di comprensione, libertà, onore, avventura e bellezza. Storie che partono dalla disabilità, dalla diversità, e arrivano alla quotidianità per cambiare la prospettiva del mondo attraverso un punto di vista diverso dal solito.  Tra tutte le opere ricevute la giuria del Premio HEYOKA (termine dei nativi americani per indicare chi aveva ricevuto da Dio dono della diversità che poteva intuire l’anima delle persone attraverso l’empatia.) sono state selezionate 6 opere che rispondono al tema dell’empatia e dell’inclusione.

Il secondo partner sostanziale di questa edizione del Festival è l’Istituto d’Istruzione Superiore Cine – TV R.Rossellini, storica scuola di cinema e televisione della Capitale che, grazie al Contributo Azione C2 “Buone pratiche, Rassegne e Festival” nell’ambito del Piano Nazionale del Cinema per la Scuola promosso dal MIUR e dal Mibact, partecipa alle attività del Festival con i suoi studenti, dando concretezza a uno degli obiettivi fondamentali di Uno Sguardo Raro, coinvolgere i più giovani su temi importanti come l’inclusione e la comprensione di chi è considerato “diverso” per poi poterli raccontare con linguaggi nuovi.

Terza novità del 2019 è l’ingresso di PA Social, la prima associazione italiana dedicata allo sviluppo della comunicazione portata avanti attraverso social network, chat, tutti gli strumenti innovativi messi a disposizione dal web con l’obiettivo di rendere la comunicazione pubblica delle istituzioni centrali sempre più efficace e a portata di cittadino. Considerando il ruolo strategico della comunicazione in Sanità e quanto possa essere utile diffondere le buone pratiche in questo ambito con i video, Uno Sguardo Raro e PA Social hanno messo in programma l’evento “Comunicare il valore dell’impegno, lo strumento del video in sanità”. L’incontro di quest’anno serve a gettare le basi del bando della prossima edizione aperta a tutte le strutture sanitarie italiane, mentre quest’anno Uno Sguardo Raro ha pensato di dedicare un premio fuori concorso alla Comunicazione in sanità riservato ad alcune realtà laziali per lanciare meglio il Bando del prossimo anno.

Torna anche per questa edizione il PREMIO USR – FERPI per la Comunicazione, in collaborazione con Federazione Italiana Relazioni Pubbliche, il premio verrà valutato durante un workshop dal titolo “L’impatto del video e delle arti creative nella comunicazione interna ed esterna sulle malattie rare” che vede la prestigiosa partecipazione del “Volo di Pegaso” Concorso dell’Istituto Superiore di Sanità.

 Anche quest’anno torna il Premio della Giuria Popolare: i corti finalisti proiettati il 2 febbraio alla Casa del Cinema saranno votati dal pubblico che decreterà il vincitore di questo premio. Per far parte della Giuria popolare, scrivi a info@unosguardoraro.org entro il 30 Gennaio 2019

Come ogni anno, OMAR, l’osservatorio delle malattie rare, la prima testata e agenzia giornalistica completamente dedicata alle malattie rare e ai tumori rari è il media partner del Festival USR per coinvolgere tutta la comunità dei malati rari in questo evento pensato per pazienti, familiari, caregiver, clinici e ricercatori.

Post correlati

Menu